Islanda in bicicletta

L’Islanda è una delle nazioni più a Nord del mondo, una nazione dai molti aspetti contrastanti, deserti, ghiacci, cascate… Una terra che ultimamente ha avuto un boom notevole nel turismo e anche, in piccola parte, nel settore ciclistico. È possibile quindi andare in Islanda in bicicletta?
A questa domanda ho risposto con cinque viaggi in bicicletta (su quindici viaggi in Islanda totali… si, mi piace molto).
Di seguito aggiornerò, tempo permettendo, delle tappe di questi viaggi con alcune informazioni che spero possano essere utili sia ad un potenziale cicloviaggiatore che ad una persona un po’ più sana di mente che abbia l’intento di visitare l’isola con mezzi più tradizionali.

L’Islanda in Bicicletta


Potrà essere una scelta assurda andare in Islanda in bicicletta, vento, freddo, vulcani… vero che non è come passeggiare sul Ticino, e questo lo ribadirò più volte,  ma non è nemmeno un’impresa da ironman.

Premetto subito, mi piace andare in bicicletta, ma non sono più di un cicloviaggiatore improvvisato che spesso tende ad improvvisare strada facendo. Non sono da programma dettagliato da seguire giorno per giorno, ma so solo dove vorrei andare e giorno per giorno decido come fare. Mi piace fotografare, e questo complica le cose… le mie tappe talvolta sono condizionate dal desiderio di arrivare in un determinato luogo ad una determinata ora… talvolta questo comporta tappe molto brevi e magari “ciclisticamente inutili”, come altre volte mi costringe a vere e proprie tappone al limite della logica.

L’Islanda è grande pressappoco due volte la Svizzera, con una popolazione di una cittadina concentrata quasi totalmente nell’area urbana di Reykjavik e Keflavik (sede dell’Aeroporto).
Il resto è un susseguirsi di ambienti estremamente differenti tra di loro costellati di piccoli insediamenti e zone totalmente disabitate.

Ad oggi (novembre 2021) sono stato in islanda 15 volte, di cuei 5 in bicicletta. tutto quello che scriverò qua e nelle pagine collegate è frutto di queste esperienze… ma non indugiamo e partiamo! Prima ma prima di parlare della biciletta in Islanda, vediamo come portarla in aereo

L’Islanda

A grandi linee possiamo suddividere l’islanda in 3 macrozone:

Il Ring

Islanda in bcicletta, la ringroad
La Ringroad e le principali strade costiere sono quasi totalmente asfaltate.

Si tratta della costa che cinge l’isola (ad eccezione dei fordi del Nord-Ovest) e percorsa dalla strada 1 la Hringvegur, è la zona più frequentata, soprattutto a Sud e dove si trovano i maggiori centri abitati. La strada è quasi totalmente asfaltata tranne un breve tratto ad Est e tocca un gran numero di luoghi famosi dell’Isola.

Tanti tra chi decide di affrontare l’Islanda in bicicletta opta per questa soluzione. Personalmente la considero, dal punto di vista ciclistico,  una strada a tratti non facile, stretta e in parte molto trafficata da gente troppo spesso poco rispettosa dei limiti di velocità (90Km/h) impegnati a correre per rispettare la strettissima tabella di marcia.
Talvolta si può evitare per strade alternative, ma in altri si è obbligati e quindi richiede molta attenzione.
Includo come ring anche la pensola Snæfellsnes in quanto anche se non percorsa dalla strada 1 è un a variante assolutamente imperdibile e soprattutto un po’ meno trafficata.

Highlands

islanda in bicicletta - kjolur
La suggestiva valle desertica del Kjölur

Sono le terre interne, i deserti centrali, la zona disabitata più grande d’europa. Forse fanno un po’ impressione, ma sono davvero meravigliose. Percorse dalle famose F-Roads (di cui parlerò poi) sono molto meno frequentate del ring e soprattutto hanno velocità medie di percorrenza assai più basse (anche per le bici però!). Il viaggio attraverso le highlands è un viaggio che permette di osare ancora il termine “avventura”. La solitudine ancora si percepisce e non esistono molte comodità. Le strade possono essere belle, brutte, ripide, si presentano guadi anche impegnativi e tratti potenzialmente innevati.
Ma i luoghi che si raggiungono sono di una bellezza unca e vale dieci volte la fatica fatta.

Le Highlands sono attraversate da due strade principali, la F35 (Kjalvegur) che attraversa l’altopiano del kjölur e la F26 (Sprengisandur) che è la più lunga e impegnativa.
Queste strade sono di antica frequentazione, anche se nel 1800 sono state quasi totalmente dimenticate a causa dei numerosi incidenti dovuti alle repentine mutazioni del meteo e da cause più o meno ignote che hanno alimentato leggende e supertizioni che narrano di fantasmi che tengono agguati ai viaggiatori.

Ci sono luoghi, come il Landmannalaugar, Kerlingarfjoll, Laki, Askja…. che sono semplicemente incredibili e sono davvero ciò che considero l’andare in Islanda in bicicletta.

Westfjords

I  Westfjords sono un mondo a sé stante. Isolati dal resto dell’Islanda sono meno frequentati a causa della scomodità di accesso che per la scarsità di luoghi particolarmente famosi che possono attrarre i turisti.
Purtroppo nei miei viaggi non sono ancora riuscito a visitarli in maniera totale, quindi le informazioni che riporterò saranno concentrate nella zona meridionale che comunque presenta luoghi e percorsi di grande interesse.
Come detto non ci sono tanti luoghi famosi quando le cascate del Sud o i vulcani. A far da padrone sono gli scenari selvaggi che si incontreranno viaggiando sulle strade, generaente non asfaltate, su e giù per i frequenti passi montani.

continua a leggere su informazioni utili