Da Akureyri al Myvatn, non solo moscerini, ma tanta bellezza

Lago Myvatn, il fuoco incontra l’acqua

Cosa accadde in tempi passati nei pressi del lago Myvatn lo si può solo immaginare. Una poderosa colata vulcanica trovatasi improvvisamente a contatto con una grande massa d’acqua. Gli effetti hanno plasmato quella che è adesso la piana che ospita il lago Myvatn.

Mappa del percorso, da https://cyclingiceland.is/

In bicicletta

  • Partenza: Akureyri
  • Arrivo: Myvatn
  • Distanza: 90Km (consigliati almeno 2 giorni per la grande quantità di attrazioni)
  • Strada: Asfalto
  • Dislivelli: Discreti dislivelli tra Akureyri e Goðafoss (non è possibile usufruire del nuovo tunnel, poi più pianeggiante fino al Myvatn.

Akureyri, la capitale del Nord

A pieno diritto, per gli standard islandesi, Akureyri può essere considerata una città, seconda come dimensioni dopo Reykjavik, è il centro principale del Nord e che possiede un aeroporto in grado di ospitare voli internazionali.

La città si sviluppa su un pendio montuoso che sfocia nel mare e questo sarà ben apprezzabile dovendo recarsi al campeggio posto in cima ad una salita decisamente impegnativa. Tuttavia anche all’affaticato cicloviaggiatore consiglio una visita tra le sue vie con i simpatici semafori e la parte storica lungo il fiordo con le sua case-museo tipiche.

Verso Goðafoss

La tratta Arkureyri – Goðafoss, con la recente apertura di un nuovo tunnel (vietato alle biciclette) ha tolto molto del traffico sulla vecchia strada (ora 84), che rimane sempre un tratto abbastanza impegnativo per portarsi fino a quasi 500 m di quota e un discreto traffico, battuto spesso da un vento da Nord impegnativo. In caso di condizioni avverse mi sentirei di consigliare senza scandalo usufruire della Straeto con la linea 56 (utilizzabile fino al Myvatn) o 79… ma questo sta alla coscienza individuale.

Goðafoss

Questa cascata è sicuramente una tappa obbligata, non è imponente come altre, ma il suo salto di poco più di 10 metri forma un ferro di cavallo molto bello da vedere. La cascata è visitabile da entrambi i lati in brevissimo tempo grazie ad un ponticello pedonale situato a poca distanza. Poco a valle della cascata principale si trova una seconda cascata, meno spettacolare, ma molto impetuosa.

Goðafoss

Il nome di questa cascata, “Cascata degli dei” deriva da un’antica leggenda risalente all’anno 1000 in cui il Lögsögumaður Þorgeir Ljósvetningagoði, dopo aver compiuto la conversione dal Cristianesimo abbia buttato nella cascata gli idoli delle loro divinità, tanto che i tre settori principali della cascata vengono chiamati come i tre dei della mitologia norrena Odino, Thor e Freyr.

Il Myvatn

Dalla cascata occorre percorrere altri 50 km circa, sempre un po’ ondulati, ma sicuramente più piacevoli della tratta precedente. Abbandonata la deviazione per Husavik, vi si dirigerà verso Sud-Est (quindi con buone speranze di vento a favore) iniziando ben presto a vedere la piana che ospita il lago.

Il lago, il quarto in dimensione in Islanda, si è formato per lo sbarramento del fiume Laxá durante una delle tante eruzioni vulcaniche della zona, trovandosi il lago in piena frattura della Dorsale Medio Atlantica.

Classicamente si abbandona la Ringroad per percorrere la 848 che gira intorno al lago in senso antiorario toccando le zone più interessanti.

Skútustaðagígar

Area degli pseudocrateri del Skútustaðagígar

Iniziamo da questo luogo, una piccola penisola costellata da piccoli crateri ricoperti dal classico muschio islandese. Nella realtà non sono crateri, bensì pseudo-crateri. Essi non hanno mai eruttato lava, ma sono il risultato di enormi bolle di vapore provocate dal violento incontro tra la lava e l’acqua del lago.

Dopo una sosta per sgranchirsi un po’ le gambe (ed il fondoschiena) si può proseguire per circa 5-6 km dove inizia tutta una serie di percorsi che si snodano tra piccoli promontori di lava che si insinuano nel lago, regalando scenari davvero incantevoli con torrioni di lava che emergono dal lago.
In estate i famosi moscerini che danno il nome al lago in questo punto danno il meglio di se stessi, non pungono, ma sono piuttosto molesti… ma il luogo è bello e i moscerini se ne faranno una ragione.

Dimmu Borgir e Hverfjall

Poco dopo una strada asfaltata sulla destra porta, con qualche strappetto, al Dimmu Borgir, In questo luogo è possibile fare una bella passeggiata tra le grandi strutture laviche che hanno fatto da sfondo in diversi famosi film e serie televisive. Da questo punto con un bel trek di circa 1h si può direttamente raggiungere la vetta del Hverfjall, il grigio cratere di notevoli dimensioni ben visibile un po’ da tutto il lago.

Hverfjall
Il cratere del Hverfjall

Lo stesso lo si può salire tornando sulla strada 848 per prendere la strada sulla destra che punta direttamente al grande cono del vulcano. La salita, ripida, ma breve porta al vastissimo cratere da cui si gode una vista unica su tutta al zona.

Dopo tanto pedalare eccoci finalmente alla zona dei campeggi, dove prendere riposo. Di campeggi ce ne sono attualmente tre. Il primo si trova sulla destra, a circa 2 km dal centro abitato. È il classico campeggio islandese, ben tenuto e gradevole.

Il secondo è ubicato proprio nel paese, in posizione magnifica sulla riva del lago. Come campeggio è il più bello della zona, ma ha solo il grande difetto (grandissimo per i ciclisti) di non dare la possibilità di caricare le batterie se non a pagamento. (nel precedente si trovano delle prese libere nei bagni).

Il terzo si trova più a Nord, nei pressi dell’aeroporto, visto dall’esterno sembra gradevole, ma non ho mai avuto il piacere di utilizzarlo.

Grjótagjá

La grotta di Grjótagjá

Imboccando la ringroad in direzione Est, non lontano dall’abitato tramite la strada 860 che conduce a Grjótagjá, una suggestiva caverna generata da una lunga frattura nella crosta lavica che ospita un lago termale dalle acque azzurre, ad oggi la temperatura sfiora i 50°C e quindi troppo calda per essere balneabile, ma nel passato è stato un luogo termale molto noto. Pochi metri più avanti una seconda caverna recentemente chiusa da un cancello metallico.

Hverir e Krafla

Proseguendo dal lago sulla Ringroad verso Est apparirà subito all’orizzonte una collina rossastra alta circa 200 metri che purtroppo andrà superata passando quasi dalla sua sommità. Seppur breve la pendenza è impegnativa (10%) . Si passa intorno ad delle vasche di sfogo delle centrali geotermiche con dei laghi dal colore turchese intensissimo, (deviazione per Myvatn nature bath, una sorta di piccola Blue Lagoon, per poi passare tra le colline di argilla rossastra. Dal punto culminante, prima di lanciarsi in una ripida discesa si potrà ammirare il bellissimo panorama sul lago Myvatn e le montagne limitrofe.
Al termine della discesa si trova l’area geotermale di Hverir dove con una breve pausa si potranno ammirare interessanti manifestazioni geotermali quali pozze di fango e potenti fumarole. Attenzione a camminare nei sentieri segnati, uscendo anche di poco dal percorso causarà una giornata pedalando con due blocchi di cemento attaccati alle scarpe.

Successivamente a questa tappa si incontra sulla sinistra la deviazione per Krafla, un’area vulcanica recentemente attiva (ultima eruzione 1984) con interessanti brevi percorsi escursionistici. Si raggiunge in 9 Km di strada asfaltata con circa 200 metri di dislivello concentrati in un paio di strappi ripidi. Consiglio questa visita se si pianifica (consigliabilissimo) una giornata stanziale al lago.

Questa zona è il naturale punto tappa per poi affrontare il “Selvaggio Est” che descriverò poi…

Dove dormire

  • Akureyri: Il campeggio si trova nel centro, a breve distanza dalla piscina. Per raggiungerlo bisogna percorrere una breve, ma ripidissima salita (possibile aggirarla sulla sinistra). È un buon campeggio, anche se presenta una sala comune aperta con un semplice piano cottura e docce a pagamento. L’elettricità si trova nelle numerose prese di corrente per i camper (un po’ di straforo…)
  • Goðafoss: Si tratta di un piccolo lembo di erba nel giardino della guesthouse proprio a 200 m dalla famosa cascata. Economico e ben tenuto non ha grossi servizi, privo della sala comune e con servizi igienici spartani. Presenta prese di corrente esterne al box dei servizi.
  • Camping Myvatn: Il più noto del lago, è in una posizione amena proprio in riva al lago. Ben tenuto, è dotato di una grande sala comune non attrezzata per la cucina. Non è possibile la ricarica se non in reception dietro pagamento. Si trova vicinissimo alla partenza dei bus e al supermarket
  • Camping Vogar: Posto a 3km dal precedente è un bel campeggio a brevissima distanza da lago. Dispone di una sala comune sotto un gazebo e alcune prese di corrente nei servizi (non proprio ad uso ufficiale).
  • Esiste anche il campeggio “HLÍÐ FERÐAÞJÓNUSTA” posto nei pressi dell’aeroporto, dall’esterno di bell’aspetto, non ho informazioni dirette dei servizi offerti.