Westfjords, da Hellulaug a Dynjandi

Il magico mondo dei Westfjords islandesi racchiude numerose perle spesso ignorate per le poche informazioni e per la scomodità dei collegamenti. Iniziamo con la parte Sud, dove ho avuto il piacere di pedalare nel 2019 e che comprende la cascata di Dynjandi e la spiaggia Rauðisandur con ovviamente tutte le tappe intermedie. Per motivi di tempo (atmosferico e orario) non sono riuscito a percorrere un anello come preventivato, quindi le tappe proposte sono divise un due tronconi distinti.

In Bicicletta

  • Partenza: Flókalundur
  • Arrivo: Dynjandi
  • Distanza: 31 Km.
  • Strada: Totalmente sterrata, fondo buono nei tratti di salita e discesa, un po’ accidentato nel tratto mediano.
  • Dislivello 700 m (sia in salita che in discesa)
  • Durata stimata: 1/2 giornata.
Mappa dell’itinerario da https://cyclingiceland.is/en/

L’accesso

La zona è raggiungibile in due modi:

  • In traghetto: Giornalmente esiste un servizio di traghetti tra Stykkishólmur (penisola di Snaefell) e Brjánslækur, il servizio è effettuato dal traghetto Baldur gestito da Seatours, il percorso dura circa 2 ore e 30 minuti con una breve fermata intermedia a Flatey (non è possibile scendere e risalire). In estate effettua due corse al giorno, si paga a persona, la bicicletta è gratuita. Da qua in 6 chilometri si raggiunge Flókalundur inizio del percorso.
  • Tramite la Strada 60: Da Borgarnes si percorre la Ringroad per 35 Km fino a superare il centro universitario di Bifröst (con il cratere Grábrók), per prendere la strada 60 che porta a Flókalundur per un totale di circa 250 km. La strada è quasi totalmente asfaltata, ma è piuttosto lunga e tortuosa, con numerosi passi da salire fino a 300m di quota.

Hellulaug

Hellulaug

Flókalundur, più che una località è poco più di un bivio tra la strada 60 che da costiera si inerpica sui monti e la 62 che invece prosegue lungo la costa. Vi si trova un bel campeggio equipaggiato di sala comune (ma senza fornelli) e docce. Ma la cosa più interessante si trova a poca distanza lungo la strada 60 in direzione Nord-Est. Si tratta di una piccola “hot-pot” geotermale posta proprio in riva al mare. Può contenere una decina di persone ed è profonda fino ad un metro. La vista dalla piscinetta è splendida e in caso di alta marea si può passare con due passi dall’acqua bollente al gelido mare. L’accesso è libero, non ci sono però strutture quali spogliatoi o servizi oltre ad un piccolo muretto a secco un po’ nascosto e riparato dal vento.

Flókalundur – Dynjandi

È una tappa relativamente breve, solo 30 chilometri, ma che non va sottovalutata. Dal campeggio di Flókalundur si abbandona immediatamente l’asfalto per iniziare subito ad inerpicarsi nella bella, ma impegnativa valle che, in 8 km, con pendenze fino al 14% permette di raggiungere i 468 metri ed affacciarsi sul Suðurfirðir. Lasciata a sinistra da strada 63 inizia un suggestivo tratto in discesa a mezza costa sulla montagna con una magnifica vista sul fiordo. In questo punto il fondo stradale di fa più brutto e sassoso, inoltre spesso si possono trovare nubi e nebbia provenienti dal mare. Si perdono circa 150/200 metri che si recuperano abbastanza rapidamente per raggiungere l’altopiano Dynjandisheið a quota 500 metri che sarà il punto massimo della giornata. da qua un primo tratto in discesa porta ad un’area pianeggiante costellata di laghetti e chiazze di neve perenni.

sul Dynjandisheiði

Poi la strada, divenuta con un fondo migliore, sprofonda ripidamente (tratti oltre il 10%) fino al livello del mare dove, svoltando a sinistra per un breve tratto asfaltato si raggiunge il parcheggio e la cascata Dynjandi.

Ultimo tratto in pianura prima della discesa a Dynjandi

Dal parcheggio la cascata è già ben visibile, l’acqua appare dalla sommità della parete e scende con una sequenza di piccoli salti per un centinaio di metri. Al termine della cascata principale in fiume ridiscende ancora per un centinaio di metri effettuando numerosi altri salti di varia altezza fino al mare.

Dynjandi autunno
Dynjandi immersa nei colori autunnali.
  • Hæstahjallafoss
  • Strompgljúfrafoss
  • Göngumannafoss
  • Hrísvaðsfoss
  • Bæjarfoss

Esiste un sentiero che porta facilmente fino al termine del primo salto con una suggestiva vista sia sulla cascata che sul fiordo. La cascata è particolarmente interessante al tramonto quando è illuminata direttamente dagli ultimi raggi solari.

Al parcheggiò è presente un’area pik-nik dove è possibile pernottare, questo permesso è concesso solo ad escursionisti e ciclisti.

Campsite a Dynjandi

forse ti interesserà anche guardare…

o un po’ di foto…