F35, altipiani e i colori del Kerlingarfjöll

La mappa del percorso della F35 da cyclingiceland.is

La F35 è una delle due strade che percorre l’altopiano del Kjölur da Sud verso Nord, una delle zone delle Highlands islandesi. La più corta e la più facile non presenta guadi e gode di un fondo stradale generalmente in buone condizioni.

Da Sud la strada ha inizio dalla cascata di Gullfoss ai margini del Golden Circle. Immediatamente si abandona l’ambiente tipicamente agricolo del Sud  dell’Islanda per passare ad un ambiente desertico verso gli altipiani e i ghiacciai.

La strada diviene sterrata quasi subito puntando verso il lago Hvítárvatn su cui si affaccia il ghiacciaio Langjökull (nei pressi è presente un campsite) per poi proseguire per l’asprio altipiano di sassi e sabbia vulcanica in direzione del cuore dell’Islanda.

Kerlingarfjöll

Kerlingarfjoll
Le caratteristiche colline di argilla.

Dopo circa 70 km da Gullfoss si giunge al bivio con la F347 che porta al Kerlingarfjöll; i 10 km che portano a questa località sono i più ripidi e difficili (tratti tra il 10%-15%) e per chi si trovasse a percorrere in bicicletta possono essere un ostacolo dopo i tanti Km percorsi.

Superando quest’ultimo ostacolo ci si troverà in una piccola Oasi prativa accessoriato di tutti i confort. Un bel campsite con sala comune, docce, cucina e, volendo, un ristorante e comodi alloggi.

Ma è a 5 km dal campeggio che ci si addentra davvero nell’altopiano caratterizzato da fumarole, ghiacciai e colline di argilla di un colore rosso/arancione intenso.

Tra queste colline è possibile effettuare un trekking della durata di una giornata che partendo direttamente dal campeggio (presenti dei cartelli) porterà ad attraversare i luoghi di maggior interesse.
L’ambiente è bellissimo si possono arrivare a sfiorare il ghiacciaio appoggiato sull’argilla rossa o camminare immersi in vapori sulfurei che si sprigionano direttamente dal terreno. In ultimo, a breve distanza dal campeggio, ci si potrà rilassare nella hotspring posta lungo il torrente.

Hveravellir

Ritornati sulla F35 si prosegue in direzione Nord per raggiungere dopo una quarantina di chilometri Hveravellir dove si potranno ammirare i ghiacciai  mentre ci si concede un bagno caldo nella bellissima hotspring. È il tratto con il fondo peggiore, un po’ di sassi e le fastidiose buche che rendono un po’ meno agevole la pedalata. Ma nulla di terribile, con calma anche questo si supera.

Nell’area sono possibile vedere numerose manifestazioni di attività geotermale quali sorgenti di acqua bollente fumarole e soffioni.

La strada a questo a questo prosegue verso nord puntando alla costa che dista ancora di qualche decina di chilometri. Si passa di fianco al lago di Blöndulón per poi abbassarsi rapidamente in direzione della ringroad dove termina la F35.

La F35 è lunga 170Km (+20Km a/r Kerlingarfjöll) e normalmente in bicicletta viene percorsa in 3 giorni. Attenzione che tranne i luoghi presidiati non sono presenti sorgenti di acqua potabile.
La strada è anche percorsa da un servizio estivo di pullman che giornalmente da Reykjavik raggiunge Akureyri.
Il servizio è effettuato dalla Reykjavik excursions e Sternatravel e in caso di neccessità trasportano le biciclette con un (caro) sovrapprezzo.

Ecco una serie di foto…

Forse ti interesserà anche guardare…